Cantanapoli

Lirica

La tradizione napoletana dalle arie d’opera alle canzoni d’autore

Lo spettacolo si apre con un omaggio agli autori piu’ significativi della “Scuola Musicale Napoletana” che ha reso la capitale partenopea “capitale musicale d’Europa, che vale a dire del mondo intero” (Charles de Brosses, 1739). Tale scuola, la più longeva tra quelle italiane, si è sviluppata nell’arco di 5 secoli a partire dal Cinquecento, con il suo apice in età Barocca, nel XVIII secolo, con il merito di aver fatto nascere la cosiddetta opera comica. Ed è qui che parte il nostro viaggio con un omaggio a Giovan Battista Pergolesi e Alessandro Scarlatti per proseguire con arie d’opera tra ‘800 e ‘900 di Vincenzo Bellini, Gioacchino Rossini e Ruggero Leonacavallo fortemente influenzati dall’atmosfera che si respirava a Napoli.

La seconda parte dello spettacolo rappresenta un itinerario nella più profonda cultura meridionale, nelle sue melodie più autentiche, nella sua identità più vera, ripercorrendo oltre un secolo di storia della canzone classica napoletana.

Nel repertorio in programma sono inserite canzoni derivanti dalla più genuina tradizione popolare, come le “colascionate” e le tarantelle, per poi passare all’800 e la nascita dell’editoria musicale, l’incontro di personaggi rappresentativi della canzone d’autore, come Salvatore Di Giacomo – coadiuvato da Pasquale Mario Costa e Francesco Paolo Tosti – ed altri personaggi straordinari della canzone popolare, tra i quali Salvatore Gambardella. Ed ancora, le serenate composte dagli autori più prolifici di questo genere musicale, come Vincenzo Russo e Eduardo Di Capua.

Infine, i grandi successi internazionali del ‘900, quando Napoli si consacrò come capitale musicale e canora della cultura meridionale grazie al genio di autori ormai mitici come, tra gli altri, Libero Bovio, Ernesto Murolo, Gaetano Lama, E.A. Mario.

Progetto realizzato in collaborazione con l’Associazione “Amici della Lirica “Franco Corelli” di Ancona

Guarda le foto

Cantanapoli 2018-2

“Cantanapoli”

Alessandra Capici Soprano

Roberto Jachini Virgili Tenore

SINEFORMA ENSEMBLE

Simone Grizi Violino

Michele Scipioni Clarinetto

David Crescenzi Pianoforte

Adattamento ed elaborazioni musicali Michele Scipioni

Programma

Alessandro Scarlatti (1660 – 1725) Sinfonia da “Griselda”

G.B.Pergolesi (1710 – 1736) “Sprezza il furor del vento da “Adriano in Siria”

Vincenzo Bellini (1801 – 1835) “O quante volte, o quante” da “I Capuleti e i Montecchi”

G.Rossini (1792 – 1868) “La danza”

Ruggero Leoncavallo (1857 – 1919) “Mattinata”


Autori vari “CantaNapoli: I’te vurria vasa’ – Santa Lucia – Tammurriata nera”

F.P.Tosti Il Pescatore canta” (1910)

E. e G. De Curtis “Torna a Surriento (1902)

A.Califano / E.Cannio ‘O Surdato ‘nnamurato” (1915)

S. Di Giacomo / F.P.Tosti Marechiare (1886)

Salvatore di Giacomo / Francesco P. Tosti Marechiare” (1886)

Cantanapoli 2018

Spettacolo del 12/08/15

Cortile della Mole Vanvitelliana di Ancona

Museo Statale Tattile Omero di Ancona

SENSI D’ESTATE. XIV edizione

Iniziativa nata nel 2002 da un’idea di Roberto Farroni, il Festival SENSI D’ESTATE è giunto alla XIV edizione e tutti i mercoledì dal 15 luglio al 19 agosto ospiterà sul palco della suggestiva corte della Mole Vanvitelliana artisti provenienti da tutta Italia per percorsi multisensoriali di Arte, Musica, Teatro, Odori e Sapori. 

La rassegna è realizzata in collaborazione con il Comune di Ancona – Amo la Mole e con l’Associazione “Per il Museo Statale Tattile Omero” ONLUS.

foto

LUCIA EUSEBI soprano

ALESSANDRO MOCCIA tenore

MICHELE SCIPIONI clarinetto

SIMONE GRIZI violino

ADRIANO TABORRO mandolino

MERI PIERSANTI pianoforte

ROBERTA MORI produzione

MICHELE SCIPIONI elaborazioni musicali